Attualmente in visione

La sfida

La terra si sta riscaldando, causando cambiamenti climatici. Ce ne stiamo già accorgendo dalle estati più calde e più asciutte e dalle forti tempeste che allagano le nostre strade. Anche il livello del mare si sta alzando a causa dello scioglimento delle calotte glaciali e c'è il rischio reale che questo aumento sia più veloce di quanto si pensasse dieci anni fa. La costa belga e la regione interna sono molto vulnerabili alle conseguenze dei cambiamenti climatici. Ciò è dovuto all'urbanizzazione, alla bassa altitudine e al modo in cui viene utilizzata quest'area. Le tempeste più forti e l'innalzamento del livello del mare stanno mettendo sempre più sotto pressione la protezione costiera. L'accessibilità dei porti costieri è minacciata e anche nell'entroterra si stanno verificando una serie di problemi. Questo renderà più difficile il flusso verso il Mare del Nord e aumenterà il contenuto di sale nei terreni dei polder.

La soluzione

Le autorità fiamminghe stanno già lavorando per proteggere le coste attraverso il "Coastal Safety Master Plan", implementato in tutte le comunità costiere dal 2011 con l'obiettivo di proteggere la regione costiera fino al 2050. Studi recenti dimostrano che i livelli del mare aumenteranno più velocemente e che le misure pianificate non saranno più in grado di proteggere l'intera costa dalle inondazioni dopo il 2050.

  • SCOPRI DI PIÙ

    Ecco perché le autorità governative stanno lavorando a una visione di più lungo termine per il 2100: il "Complex Coastal Vision Project". Questo piano tiene conto di un innalzamento del livello del mare fino a 300 cm, mentre il piano regolatore tiene conto di un innalzamento di soli 80 cm. Arcadis ed Ecorys sono state incaricate di sviluppare vari scenari e pianificare alternative in cui si studiano anche gli effetti sulla natura e sull'ambiente, nonché le conseguenze finanziarie. Questo progetto determinerà, tra le altre cose, anche la posizione del futuro litorale, lo spazio necessario per garantire la protezione della costa, il tipo di misure da adottare per raggiungere questo obiettivo e il modo in cui possono essere create situazioni vincenti sia per l'economia (tempo libero, turismo, economia blu, agricoltura, pesca, ecc.) sia per la natura.

L'impatto

Con il "Complex Coastal Vision Project" la costa, i suoi abitanti e la natura saranno protetti dalle inondazioni marine e dalle tempeste anche dopo il 2050. Ogni giorno vengono acquisite nuove conoscenze sui cambiamenti climatici e sugli effetti che questi hanno sul nostro pianeta. Le soluzioni devono quindi essere in grado di evolversi di pari passo con lo sviluppo delle conoscenze. Con questo progetto, Arcadis sta creando misure flessibili, adattive e solide per proteggere il pianeta dalle future conseguenze di cambiamenti climatici estremi.

  • SCOPRI DI PIÙ

    Dal suo ufficio di Gand, sta lavorando a questo progetto con un team di ingegneri, idrogeologi, ecologisti, climatologi, esperti di amministrazione delle informazioni energetiche offshore, bioingegneri, space planner, space designer e architetti paesaggisti.


Servizi utilizzati

Scrivi a {name} per avere maggiori informazioni

Arcadis userà il tuo nome e il tuo indirizzo email solo per rispondere alla tua domanda. Puoi trovare maggiori informazioni nella nostra Privacy policy.