N. 1

progetto di gestione idrica in Cina

60%

di acqua piovana gestita

Attualmente in visione

La sfida

Chi abbia mai assistito a un'alluvione sa quanto può essere difficile ricostruire dopo che le acque si sono ritirate dalle case o dalle aziende. Una conseguenza spiacevole dell'urbanizzazione è l'aumento della probabilità di inondazioni. In città ricoperte di strutture in cemento, l'acqua piovana non può defluire nel terreno come avverrebbe in un ambiente naturale e, se non è disponibile un sistema di drenaggio adeguato, gli allagamenti sono inevitabili. In luoghi del mondo come Wuhan, in Cina, dove il cambiamento climatico ha aumentato l'intensità delle piogge, queste problematiche sono particolarmente pronunciate.

La soluzione

Situata all'intersezione dei fiumi Yangtze e Han e con 11 milioni di abitanti, Wuhan ha chiesto aiuto ad Arcadis per rendere la città più resiliente alle catastrofi collegate all'acqua. A seguito dell'urbanizzazione rapida molti degli spazi verdi della città erano stati pavimentati e di conseguenza la sua capacità di assorbire la pioggia era diminuita significativamente.

I nostri esperti hanno collaborato con numerosi partner allo sviluppo della strategia della "città-spugna" per Wuhan, mirata ad affrontare i rischi associati ad alluvioni, siccità e inquinamento. Il nostro piano prevede la creazione di sistemi integrati di strutture gestionali complete, infrastrutture verdi, il potenziamento del sistema di drenaggio urbano e impianti di raccolta e depurazione delle acque in tutta la città. Molte di queste soluzioni sono su piccola scala, ma replicate in tutta la città per creare un ampio effetto cumulativo.

L'impatto

Oltre a risolvere il problema delle inondazioni, queste soluzioni offrono molti vantaggi a Wuhan e ai suoi abitanti. Le pavimentazioni permeabili e i piccoli impianti di raccolta consentiranno di riutilizzare l'acqua, riducendo la vulnerabilità alla siccità. Le nuove aree verdi pubbliche assorbiranno l'acqua piovana, contribuendo al contempo rendere la città più bella e vivibile. Una volta completato, il progetto consentirà a Wuhan di gestire il 60% dell'acqua piovana.

Nel complesso, il programma della città-spugna ridurrà i danni economici e ambientali causati dalle inondazioni e aumenterà la sicurezza per i cittadini di Wuhan. Il progetto servirà anche da esempio per altre città cinesi, che potranno replicare queste tecniche innovative volte a migliorare la resilienza in tutto il paese.


Servizi utilizzati

Scrivi a {name} per avere informazioni e risposte

Arcadis will use your name and email address only to respond to your question. More information can be found in our Privacy policy